Se encuentra usted aquí

II Campagna di scavo archeologico a Pizzo Monaco (Custonaci, Trapani)

Il progetto MEditerranean MOuntainous LAndscapes, finanziato attraverso il Settimo Programma Quadro (FP7) di Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Dimostrazione dell’Unione Europea (convenzione di sovvenzione n° 613265), è coordinato dal Prof. José María Martín Civantos del dipartimento di Historia Medieval e CCCTT dell’Università di Granada (Spagna). 
Questo progetto si basa sull’analisi dei paesaggi culturali di montagna nell’area mediterranea, attraverso una prospettiva multidisciplinare. 

Tra Ottobre e Novembre del 2014 è stato condotto un primo scavo archeologico, autorizzato dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Trapani, nel giacimento di Pizzo Monaco (Custonaci, Trapani). In tale occasione sono stati scavati 4 ambienti e la porta di accesso ad una struttura fortificata, interpretata preliminarmente come granaio collettivo di epoca islamica (X?-XI secolo). 
Questa campagna, oltre a definire l’ambito cronologico e culturale dell’insediamento di Pizzo Monaco, ha fornito ulteriori dati per una lettura integrata delle diverse componenti del paesaggio rurale in cui si inserisce tale fortificazione. A tal proposito sono stati prelevati dei campioni di terreno per l’analisi pedologica (Università di Palermo), è stata compiuta una prospezione geochimica (Università di Sheffield) ed una botanica (Università di Palermo), ed è stata effettuata una flottazione (Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma-CSIC) dei sedimenti archeologici raccolti nei vari piani d’uso dei singoli ambienti scavati, per il recupero dei resti vegetali antichi. A queste analisi, tutte in corso di studio, si aggiunge il rilievo integrale e tridimensionale del sito e del rilievo calcareo su cui questo si erge (Università di Granada).

L'attività di scavo è stata inoltre supportata economicamente dal Ministerio de Cultura de España, attraverso il "Finanziamento per le Missioni Archeologiche Spagnole all'Estero", e dalla benemerita Fondazione Max van Berchem di Ginevra.

I soci del progetto MEMOLA che participano in questa II Campagna di scavo sono: 

• Università di Granada (Spagna);
• Università di Sheffield (Inghilterra);
• Arqueoandalusí Arqueología y Patrimonio S.L. (società privata con sede a Granada);
• Agencia Estatal Consejo Superior de Investigaciones Científicas–CSIC- Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma. 

Contiamo altresì sulla collaborazione attiva con il Comune di Custonaci e Buseto Palizzolo che forniranno l’appoggio logistico. 

Lo scavo si svolgerà in due turni di 15 giorni ciascuno:
6-19 Luglio 2015
20 Luglio-2 Agosto 2015

Il limite massimo dei parteciapanti è di 17 persone per ogni turno. 
L’iscrizione dovrà avvenire per e-mail entro il 31 maggio 2015, scrivendo al Dr. Rocco Corselli (r.corselli@sheffield.ac.uk
Indicando:
• il turno preferente al quale si vuole partecipare
Inviando:
• il proprio curriculum aggiornato
N.B. nella stessa mail vanno indicate eventuali allergie o intolleranze alimentari
Altri dettagli:
• il costo del viaggio è a carico di ogni partecipante;
• è necessario un sacco a pelo, vestiti da cantiere (scarpe antinfortunistiche, guanti da lavoro). Si consiglia, visto il periodo della campagna, crema di protezione solare e cappello;
• tutti i pasti (colazione, pranzo (sullo scavo), e cena) verranno offerti gratuitamente dall’organizzazione (dal lunedì al venerdì); 
• gli strumenti di scavo (trowel, etc.) verranno forniti gratuitamente dall’organizzazione;
• i partecipanti dovranno dovranno essere muniti di un documento di identità valido e un certificato di assicurazione personale;
• la natura orografica del terreno e la peculiarità del sito richiedono una buona capacità fisica dei partecipanti (farà caldo e lo scavo e fisicamente duro!)
• si svolgeranno attività collaterali allo scavo (lavaggio e siglatura della ceramica, flottazione dei campioni di terra per l’analisi archeobotanica); 
• orario di lavoro: 7:00 - 15:00. Tale orario potrà subire modifiche a seconda della clima;
• verrà rilasciato un certificato di partecipazione.

Related Posts